Dosaggio.
Adulti: 500-1000 mg per os,3-4 volte al giorno,con un massimo di 3000 mg/die.
Per via rettale utilizzare una supposta da 1000 mg fino a tre volte al giorno.
Bambini:10-15mg/kg ogni 4-6 ore con un massimo di 60mg/die.Per via rettale utilizzare 10-15mg/kg, fino a tre volte al giorno, impiegando prodotti in supposte che presentino la quantità di principio attivo più idonea in tal senso.

Precauzioni.
Usare con cautela nei soggetti con carenza di glucosio-6-fosfato deidrogenasi.
Dosi elevate o prolungate del prodotto possono creare un’epatopatia ad alto rischio ed alterazioni a carico del rene e del sangue anche gravi.
Somministrare con cautela nei soggetti con insufficienza renale o epatica.
Il prodotto può essere assunto in gravidanza e durante l’allattamento in casi di effettiva necessità e sotto il diretto controllo medico.

Effetti indesiderati.

Con l’uso di paracetamolo sono state segnalate reazioni cutanee di vario tipo e gravità inclusi i casi di eritema multiforme, Sindrome di Stevens Johnson e necrolisi epidermica. Sono state segnalate reazioni di ipersensibilità quali ad esempio angioedema,edema della laringe,shock anafilattico.Inoltre sono stati segnalati
I seguenti effetti indesiderati: trombocitopenia,leucopenia,anemia,agranulocitosi,alterazioni della funzionalità epatica ed epatiti,alterazioni a carico del rene (insufficienza renale acuta,nefrite interstiziale,ematuria,anuria)reazioni gastrointestinali e vertigini.

Sintomi da sovradosaggio.
In caso di assunzione accidentale di dosi molto elevate, l’intossicazione acuta si manifesta con anoressia,nausea e vomito seguiti da profondo decadimento delle condizioni generali.In tali casi si può provocare una citolisi epatica che può evolvere verso fenomeni necrotici a carico dell’organo.